Jesolo e Venezia

Mag 2, 2021Diari di viaggio

1-2 MAGGIO 2021

LOCALITA’ VISITATE: JESOLO, LIO PICCOLO, LE MESOLE, VENEZIA

Dopo un lungo lockdown avevamo voglia di mare. Eravamo consapevoli del fatto che avremmo incontrato moltissimo traffico partendo il venerdì nel tardo pomeriggio (cosa che si è confermata), ma la voglia di cambiare aria era così forte che non ci siamo lasciati frenare da questo inconveniente.

30/04/2021: Partenza alle ore 18.10 da casa in provincia di Bergamo e arrivo alle 21.59 al CAMPING CAVALLINO di JESOLO, sul filo di lana per il coprifuoco e un attimo prima della chiusura della reception. Prezzo per due notti per una piazzola di tipo A Euro 93,60 (niente in più per il late check out della domenica pomeriggio). La nostra grande piazzola era situata nella zona più vicina al mare e dal letto in mansarda era possibile vederlo (essendo le piazzole leggermente sotto il livello della spiaggia il mare non è visibile dal prato). Camping a 4 stelle, grande, attrezzato con moltissimi servizi tra cui un ampio market, ristorante, bar con vista panoramica, piscine, mini club, centro benessere, palestra. Questo weekend l’afflusso era molto limitato, quindi il soggiorno è stato molto tranquillo (la maggior parte dei servizi chiusi). Personale molto gentile e disponibile.

01/05/2021: Dopo aver fatto colazione con in sottofondo il suono delle onde, abbiamo passeggiato sulla grande e deserta spiaggia, una parte della quale è anche dedicata ai cani. Essendoci portati le nostre e-bike, verso le 11.15 siamo usciti per un giro in bici. Ho chiesto in reception consigli e mi è stato indicato un itinerario che si è rilevato molto molto carino. Appena usciti dal camping, abbiamo svoltato a sinistra e poi a destra per prendere la ciclabile di Via Fausta. Dopo circa 15 minuti, abbiamo svoltato a destra prendendo Via Treporti e, dopo aver superato tre ponti, abbiamo preso la prima via a destra, verso LIO PICCOLO. Dopo aver percorso una strada per lo più frequentata da pedoni e bici, siamo arrivati al piccolissimo borgo, dove si trovano una torre e una chiesetta. Abbiamo proseguito poi fino a località LE MESOLE, caratterizzata dalla presenza di un bar/ristorante molto gettonato affacciato sulla laguna. Dopo un centinaio di metri, il percorso termina. Percorso molto bello e tranquillo, non tutto su ciclabile ma su tratti di strada periferici molto poco trafficati, che attraversa la laguna o che costeggia canali, dove si può apprezzare un intenso profumo di mare e il frastuono del cinguettio degli uccelli. Mi era stato riferito dalla receptionist che a volte si possono ammirare i fenicotteri rosa ma purtroppo non abbiamo avuto questa fortuna. Per pranzo ci siamo fermati al ristorante/birreria La Tenuta su Via Fausta, mangiando all’ombra di un gazebo nel curatissimo giardino. Pomeriggio passato in spiaggia. Verso le cinque il sole ci ha abbandonato lasciando intravedere un temporale all’orizzonte che è arrivato verso l’ora di cena.

02/05/2021: La mattinata si è presentata uggiosa, la notte appena passata aveva portato una pioggia molto intensa. Passare la mattina al mare non era la cosa migliore, visto anche il vento molto forte, e fare una ciclabile era un po’ rischioso visto il cielo coperto. La sera prima avevo chiesto in reception informazioni per andare a Venezia, e questa ci sembrava la soluzione migliore, ovviamente equipaggiati con ombrellini e impermeabili. Direttamente in reception abbiamo acquistato i biglietti combinati di pullman e traghetto per un totale di Euro 59. Ci siamo diretti a piedi, in circa 15 minuti, dal campeggio verso via Fausta, alla pensilina n.17 per prendere il pullman destinazione Punta Sabbioni. Arrivati al porto, abbiamo preso la coincidenza del traghetto per Venezia, con arrivo alla fermata San Zaccaria, a due passi da Piazza San Marco. VENEZIA è sempre meravigliosa! Certo vederla semi vuota dopo averla vista diverse volte gremita di turisti provenienti da tutto il mondo ha fatto uno strano effetto. Una volta scesi dal traghetto ci siamo diretti verso PIAZZA SAN MARCO. Non aggiungo parole per una delle piazze più belle del mondo. Abbiamo provato a metterci in fila per salire sul Campanile, visto che non c’erano molte persone in attesa e sembrava potesse non volerci molto. In realtà gli ingressi contingentati hanno reso l’attesa più lunga del previsto, così abbiamo deciso di rinunciare. Ci siamo diretti a piedi verso il CANAL GRANDE per ammirare il PONTE DI RIALTO. Visto che il nostro biglietto comprendeva anche l’utilizzo del trasporto pubblico locale, dopo aver ammirato il ponte, abbiamo preso un traghetto di linea che ci ha riportato in Piazza San Marco, ammirando i palazzi che si affacciano sul canale principale della città. Dopo esserci presi un caffè al locale della Illy (senza pagare un occhio della testa) ai GIARDINI REALI, poco distanti dalla piazza, siamo ritornati alla fermata del traghetto per il ritorno al nostro camping. Partenza da Venezia alle 12.15 e arrivo al camper alle 13.30. Dopo aver pranzato al ristorante del campeggio, abbiamo passato il pomeriggio in spiaggia, riscaldati da un bellissimo sole che nel frattempo è venuto a trovarci. Partenza per casa alle 18.

Autostrada: 33,50 Euro – Carburante: 100 Euro – Km percorsi: 520

Attenzione:

Il traffico Aulla A4 in prossimità del lago di Garda il venerdì pomeriggio/sera è veramente intenso.

Bambini:

La spiaggia fine e dorata di Jesolo è ideale per i bambini. Appena fuori dal cancello del camping c’è un grandissimo castello con scivoli. – Quando visitiamo una grande città con Sara, cerchiamo di concentrarci solo su poche cose da vedere, per non stancarla e annoiarla troppo.

Idee per weekend o viaggi in camper? Clicca e vai alla cartina interattiva! Scegli la tua destinazio e buona lettura!

Se vuoi maggiori informazioni, scrivimi dei commenti, sarò felice di risponderti!

Potrebbero interessarti anche…

Terme di Colà in camper

Terme di Colà in camper

Leggi il nostro itinerario per scoprire dove abbiamo sostato alle Terme di Colà in camper. Due laghetti di acqua...

0 commenti