10 Consigli per visitare New York

Ago 19, 2012Non solo camper

Il viaggio di nozze è uno dei pochi viaggi in cui non ho organizzato nulla. Ero talmente presa dal matrimonio (il 4 agosto del 2012) che il viaggio era l’ultimo dei miei pensieri, così mi sono completamente affidata all’agenzia di viaggio.

Ci è stato fornito tutto il materiale dettagliato con orari dei voli, transfer, indirizzi degli hotel, note di imbarco per la crociera.

Per New York e Miami ci sono state date schede dettagliate con itinerari (che ho seguito alla lettera), ristoranti, negozi, una guida degli Stati Uniti, e numeri di telefono dei referenti italiani in caso di problemi (una sicurezza non indifferente, ma che per fortuna non ci sono serviti).

Consigli per visitare New York: Documenti

Essendoci affidati ad una agenzia di viaggio, è stata l’agenzia stessa che ci ha compilato i moduli per il visto turistico e per l’assicurazione medica. Verso marzo dello stesso anno (quindi 5 mesi prima della partenza) avevamo provveduto ai passaporti. Ultimamente i tempi per il passaporto sono notevoli quindi meglio organizzarsi per tempo.

Consigli per visitare New York: Soldi

Avevamo cambiato circa duecento euro in dollari, ma devo dire che potevamo anche evitare in quanto, già dieci anni fa, in America, la carta di credito era accettata ovunque, anche solo per pagare un caffè.

Consigli per visitare New York: Lingua

A New York i primi giorni abbiamo fatto un po’ fatica nel comprendere l’inglese (quasi mangiucchiato) degli americani, ma una volta fatta l’abitudine ce la siamo cavata anche con un livello di inglese medio.

Consigli per visitare New York: Ingressi

Su consiglio dell’agenzia, abbiamo acquistato la NEW YORK CITY PASS (di cui purtroppo non ricordo il prezzo), grazie alla quale siamo entrati in musei, saliti sui grattacieli e fatto la crociera alla Statua della Libertà. Consiglio di acquistarla per risparmiare e saltare le code alle casse. Attenzione ai piccoli “truffatori”: alla salita dell’Empire State Building un ragazzo ci si è avvicinato proponendoci un biglietto saltacoda. Abbiamo rifiutato e in effetti non c’era nessuna coda di attesa per la salita. Per saperne di più, clicca sui e vai al sito ufficiale.

Consigli per visitare New York: quanti giorni

Per noi la visita di New York in circa cinque giorni è stata sufficiente. La città è enorme e quindi le cose da fare e da vedere sono tantissime, però cinque giorni sono stati più che soddisfacenti.

Cosa vedere a New York in 5 giorni

6-10 Agosto: Con un volo Delta Airlines da Malpensa, siamo arrivati alle 13 ora locale al JFK. Dopo l’11 settembre i controlli in entrata negli Stati Uniti sono molto serrati: abbiamo fatto una lunga fila alla dogana “scortati” da moltissimi militari.

Dopo averci controllato i documenti, fortunatamente senza troppe domande, ci hanno lasciato passare. Non avevamo un transfer, ma l’aeroporto (così come tutta la città) è continuamente servito da moltissimi taxi e, infatti, nel giro di pochi minuti eravamo già in viaggio direzione HOTEL HELMSLEY PARK LANE, direttamente affacciato su Central Park.

Questi i punti di interesse da noi visitati, in circa cinque giorni:

  • CENTRAL PARK: assolutamente da vedere noleggiando una bicicletta (ci sono moltissimi negozi a prezzi accessibili che noleggiano le bici per un paio di ore).
  • METROPOLITAN MUSEUM: uno dei musei più importanti del mondo, con opere famosissime. Assolutamente da non perdere. Quando ci siamo stati noi, abbiamo trovato una sezione di opere arrivate dall’Accademia Carrara, il museo principale di Bergamo.
  • FIFTH AVENUE: shopping!
  • ST. PATRICK CATHEDRAL: cattedrale in stile neogotico circondata dai grattacieli
  • GRAND CENTRAL TERMINAL: la principale stazione ferroviaria
  • ROCKFELLER CENTER: salita al Top of the Rock
  • GROUND ZERO – NATIONAL SEPTEMBER 11 MEMORIAL: un posto veramente toccante ed emozionante. Due enormi vasche con al centro le più grandi cascate artificiali degli Stati Uniti con incisi i nomi di tutte le vittime dell’attentato dell’11 settembre.
  • TRAGHETTO PER ELLIS ISLAND E STATUA DELLA LIBERTA’: Lady Liberty in quel periodo era chiusa per ristrutturazione, comunque molto bello il giro in traghetto per ammirare la città da un altro punto di vista. Onestamente la Statua della Libertà me la immaginavo più grande, in effetti abbiamo notato che molte foto vendute nei negozi di souvenir la ritraggono ingrandita.
  • WALL STREET con la sede della Borsa americana.
  • PONTE DI BROOKLYN: anche questo monumento era in ristrutturazione e per lo più ricoperto dalle impalcature.
  • TIME SQUARE: qui sembra proprio di essere al centro del mondo. Si è circondati e avvolti da grattacieli ricoperti da schermi che proiettano pubblicità, giorno e notte. Meglio andarci verso sera per godere al meglio di questo spettacolo. Consiglio di mangiare da Bubba Gump Shrimp Co., ristorante turistico ispirato al film Forrest Gump, dove il piatto principale sono i gamberi. Molto buono.
  • EMPIRE STATE BUILDING: ci siamo saliti all’ora del tramonto, una vera magia vedere New York illuminata. Di sera si può facilmente individuare il più luminoso fascio di luce che arriva da Time Square.
  • SOHO, GREENWICH VILLAGE E LITTLE ITALY: tra i più famosi quartieri della città.

Ci sono sicuramente moltissimi altri posti da vedere in una città immensa come questa. In ogni angolo della città si possono riconoscere luoghi ripresi in moltissimi film famosi.

Consigli per visitare New York: come muoversi

Ci siamo mossi in parte in metropolitana e in parte con i taxi che, tutto sommato, erano abbordabili. Attenzione però ai taxi negli orari di punta, momento in cui i tassisti spengono i tassametri e si paga la tariffa fissa. Noi non ne eravamo al corrente e un pomeriggio alle 18 abbiamo pagato 25 dollari per un breve tratto (passando molto tempo in coda).

Consigli per visitare New York: dove mangiare

Abbiamo mangiato principalmente nei fast food o nelle grandi catene come Starbucks perché i ristoranti erano abbastanza cari per i nostri standard. Non ci si può sicuramente lamentare delle porzioni: abbondanti è riduttivo.

Consigli per visitare New York: muoversi a piedi

Le dimensioni di New York sono fuori dalla nostra concezione, dai grattacieli, alle strade, alle macchine, ai camion. Tutto è gigantesco. Meglio tenerne conto se si decide di fare tratti a piedi: luoghi che sulla cartina sembrano vicini, possono richiedere diversi minuti a piedi.

Consigli per visitare New York: Musical

Un rammarico: non aver partecipato ad un musical di Brodway, sarebbe stata una bellissima esperienza. Voi, se potete, fatelo!

Consigli per visitare New York: aria condizionata

Siamo andati a New York ad agosto e, come le nostre città italiane, la temperatura è calda e umida. Attenzione all’aria condizionata che è sempre regolata al massimo. Sui voli di compagnie aeree americane, nei locali, nei negozi, perfino nella stanza d’albergo ci sono temperature a cui noi non siamo abituati. Termostati impostati su 18 gradi! Io ho sempre girato con giubbino o felpa pesante, nonostante il caldo torrido dell’esterno.

New York è una città incredibile, viva e pulsante, IMMENSA!

Per leggere la seconda parte del nostro viaggio di nozze, CLICCA QUI!

Attenzione:

L’aria condizionata in America è regolata al massimo. Sui voli di compagnie aeree americane, nei locali, nei negozi e perfino nella stanza d’albergo, ci sono temperature molto molto “fresche”, per non dire gelide. Ho sempre girato con giubbino o felpa pesante, nonostante il caldo torrido all’esterno. – New York è una città molto cara, soprattutto i ristoranti. Abbiamo fatto shopping perché il cambio era favorevole e i prezzi accessibili. – I taxi sono economici, non nell’orario di punta, dove gli autisti spengono i tassametri e fanno pagare tariffa fissa (oltre a rimanere bloccati per parecchio tempo nel traffico).

Sara ha un sogno: vedere New York! Quando sarà più grande, la porteremo.

Idee per weekend o viaggi in camper? Clicca e vai alla cartina interattiva! Scegli la tua destinazio e buona lettura!

Se vuoi maggiori informazioni, scrivimi dei commenti, sarò felice di risponderti!

Potrebbero interessarti anche…

0 commenti