Weekend a Lizzola e Valbondione in camper

Lug 4, 2021Diari di viaggio, I love bergamo

Valbondione in camper: avete mai pensato ad un weekend qui? Valbondione è il paese dal quale iniziano diversi sentieri, anche impegnativi, per ammirare le vette della Val Seriana (tra le più alte e impervie) e per godere dello spettacolo delle Cascate del Serio.

Valbondione e Lizzola sono località turistiche molto tranquille, lontane dall’affollamento delle zone più famose, che regalano panorami orobici molto belli e affascinanti.

Devo ammettere che i servizi per i camper non sono parecchi, però è anche vero che non vigono particolari divieti per la sosta.

Leggi il nostro articolo per scoprire dove abbiamo sostato in camper a Valbondione e Lizzola e quali trekking, anche per bambini, abbiamo fatto.

 

LOCALITA’ VISITATE: LIZZOLA, RIFUGIO MIRTILLO, PIZZO SPIGOREL, VALBONDIONE, BAITE DI MASLANA, RIFUGIO GOI DEL CA’

Lizzola in camper: Giorno 1

Ore 23. Dopo la magnifica vittoria dell’Italia agli Europei contro il Belgio che ci ha regalato le semifinali, siamo partiti alla volta di LIZZOLA.

La Val Seriana è la valle che ci piace di più tra le valli bergamasche, circondata da vette che superano i 3000 m.

I sentieri che si possono percorre sono innumerevoli, dai più semplici e facili adatti anche ai bambini, ai più impegnativi.

Nessun posto può essere paragonato alle Dolomiti, però in Val Seriana si può trovare un piccolo angolo di Trentino Alto Adige, con il vantaggio che è a solo un’ora da casa nostra e quindi ci possiamo venire in qualsiasi momento, anche in tarda serata.

Abbiamo passato la notte in un parcheggio vicino alla partenza dell’impianto di risalita, pagando 5 euro la sosta (così come in diversi parcheggi di Lizzola e Valbondione, acquistando il Gratta e Sosta nei negozi o bar dei paesi).

In realtà avremmo potuto dormire proprio nel parcheggio della seggiovia che avremmo preso il giorno seguente ma, vedendo il cartello di divieto di sosta per mercato il sabato mattina, abbiamo rinunciato.

Il giorno dopo ci siamo accorti che il mercato era in realtà un solo banchetto posto in un angolo. Ad ogni modo, ci siamo svegliati la mattina con una meravigliosa vista sul Pizzo Coca e sul Pizzo Redorta, due delle vette più alte e importanti delle Orobie.

 

Lizzola e Valbondione in camper: Giorno 2

Verso le 9.30 abbiamo acquistato i biglietti della seggiovia di Lizzola. Euro 24 andata e ritorno per due adulti, Sara e Benny gratis.

Compreso nel prezzo anche un aperitivo omaggio al RIFUGIO MIRTILLO. Per arrivare fino al rifugio abbiamo cambiato due impianti, per una mezz’oretta in tutto.

La giornata era nuvolosa, ma arrivati in quota lo spettacolo è stato comunque bellissimo.

Dopo aver chiesto informazioni ai ragazzi che gestiscono il rifugio, siamo partiti per una passeggiata verso il LAGO SPIGOREL.

Purtroppo il sentiero non è ben segnato e…abbiamo sbagliato strada. Ci siamo trovati su un sentiero impegnativo, a mio avviso non adatto alle famiglie, con gradoni non sempre facili da salire – e da scendere.

Abbiamo così deciso di non proseguire oltre ma di ritornare indietro. Siamo arrivati a vedere il PIZZO SPIGOREL ma non il lago che si trova proprio dietro questa vetta.

Tornati al rifugio abbiamo capito che non dovevamo salire in quota lungo il sentiero dell’alta via ma proseguire lungo la pista da sci…Sarà per la prossima. I ragazzi del rifugio comunque ci hanno garantito che segneranno meglio il percorso, visto che non siamo stati gli unici a non trovare la strada.

Dopo aver pranzato al Rifugio, abbiamo ripreso i due tratti della seggiovia e siamo ritornati al camper.

La vista dall’impianto in discesa è abbastanza vertiginosa ma è spettacolare: ancora un quadro davanti agli occhi con il Pizzo Redorta e il Pizzo Coca.

Dopo aver ripreso il camper, ci siamo spostati ALL’AREA DI SOSTA SABIUNET di VALBONDIONE (20 Euro per una notte). Nel pomeriggio si è messo a piovere e siamo rimasti in piazzola a riposarci. 

Qui il link dell’area di sosta.

Valbondione in camper: Giorno 3

Ci siamo alzati con un cielo coperto e minaccioso di pioggia (le previsioni erano concordi nel dare precipitazioni in mattinata) ma abbiamo deciso comunque di intraprendere il sentiero che porta alle BAITE DI MASLANA e al rifugio GOI DEL CA’, attrezzati di k-way.

Appena usciti dall’area di sosta, abbiamo chiesto all’infopoint informazioni sul percorso e ci hanno rilasciato il cartoncino del “TIMBRA LA LEGGENDA DELLE CASCATE DEL SERIO”.

Seguendo il corso del Serio, abbiamo attraversato il fiume grazie ad un ponticello per poi percorrerlo in direzione opposta, verso le cascate.

Poco dopo aver iniziato la camminata abbiamo trovato la prima casetta degli uccellini colorata, contenente il timbro da apporre sul nostro cartoncino.

Qui abbiamo letto la prima parte della leggenda che riguarda la nascita delle cascate del Serio.

Alla seconda casetta, dopo aver messo il timbro, abbiamo proseguito sul sentiero 332 del Cai, e dopo una faticosa salita, abbiamo cominciato ad intravedere le baite di Maslana, fino a raggiungere il borgo.

Nel cuore del piccolo centro abitato si trova anche il RIFUGIO GOI DEL CA’, dove ci siamo fermati a riposarci e a bere qualcosa.

Il nostro cammino sarebbe dovuto continuare verso l’Osservatorio delle Cascate e all’antico ponte romano, dove avremmo concluso la raccolta timbri e letto la parte finale della leggenda.

Purtroppo la pioggerella è arrivata ed abbiamo deciso di ritornare indietro, ammirando le piccole cascate che si erano create sulle pareti rocciose grazie alla pioggia. Rientro a casa dopo pranzo.

Autostrada: 0 – Carburante: 23 Euro – Km percorsi: 130

Attenzione:

A Lizzola non esiste un’area di sosta ma si può stare nei parcheggi del comune pagando il biglietto (Gratta e Sosta acquistabile nei bar o nei negozi del paese). Oppure si può optare per l’area di sosta di Valbondione e spostarsi con i mezzi pubblici. L’area di Valbondione è molto carina, mi bisogna prenotarla qualche giorno prima per essere sicuri di trovare posto.

Bambini:

L’idea del cartoncino da timbrare per scoprire la leggenda delle Cascate del Serio è molto bella e coinvolgente.

Weekend a Lizzola e Valbondione: guarda il video

Area di sosta camper Sabiunet a Valbondione

Chiamarla area di sosta è riduttivo. Io la definirei un piccolo campeggio immerso nella verde Val Seriana sulle sponde del Serio.

Tante piazzole posizionate su di un verde tappeto erboso tenuto benissimo, tutte con allaccio di corrente e abbastanza spazio per poter godere del proprio tendalino e del tavolo all’esterno.

Molti servizi a disposizione: carico e scarico, bagni con docce (viene fornito il gettone dal gestore), lavatoi e barbecue.

Rimane molto spazio su prato dove i bambini possono fare amicizia e giocare in tutta libertà e sicurezza.

Il prezzo è di 20 Euro a notte. Si può prenotare o avvisare dell’arrivo, chiamando il gentilissimo e disponibile gestore al numero apposto appena fuori dall’area o cliccando su questo link del sito dell’area di sosta.

Prima di consigliarvi di guardare il video con il tour dell’area di sosta, faccio presente che nel video stesso troverai anche la nostra escursione all’OSSERVATORIO DELLE CASCATE DEL SERIO.

In un weekend successivo, infatti, siamo tornati e il meteo ci ha permesso di arrivare a destinazione, passando per le BAITE DI MASLANA e per il PONTE ROMANO.

Bellissima escursione, anche se devo ammettere sia faticosa in alcuni tratti, ma accompagnati dai timbri della “Timbra la Leggenda delle Cascate del Serio”. Per leggere le date in cui trovare l’attività, lascio il link al sito ufficiale dell’Ufficio Turistico di Valbondione.

 

Ti è piaciuto il nostro diario di viaggio in camper a Valbondione? Ti ho fatto venire la voglia di visitare questi posti? Lasciami un messaggio nei commenti! E se ti interessano altri diari di viaggio per la provincia di Bergamo, clicca su I love Bergamo!

Idee per weekend o viaggi in camper? Clicca e vai alla cartina interattiva! Scegli la tua destinazio e buona lettura!

Se vuoi maggiori informazioni, scrivimi dei commenti, sarò felice di risponderti!

Potrebbero interessarti anche…

Ciclabile del Ponale in e-bike

Ciclabile del Ponale in e-bike

La Ciclabile del Ponale in e-bike era un’attività che ancora ci mancava durante le nostre innumerevoli mini vacanze al...

Grecia in camper in 16 giorni

Grecia in camper in 16 giorni

Grecia in camper: un viaggio epico! Si lo so, come introduzione non è un granché…diciamo che ho voluto mettere un...

0 commenti